Francesco Pianelli

Compleanno plastic free?

Oggi la plastica viene additata come uno dei mali assoluti. Ma più diciamo che non la vogliamo, più al supermercato gli scaffali ne sono pieni. Non è però sempre stata il male, anzi…

Hai mai pensato di festeggiare un compleanno plastic free?

Sicuramente in vita tua avrai partecipato a cene di compleanno in cui piatti e bicchieri di plastica monouso la facevano da padroni sul tavolo imbandito a festa…

Ma facciamo un passo indietro.

Oggi la plastica viene additata come uno dei mali assoluti.

È anche per questo motivo che nel corso del tempo si è alimentato tutto il chiacchiericcio attorno al concetto di plastic free…

Ma più diciamo che non la vogliamo, più al supermercato gli scaffali ne sono pieni.

compleanno-plastic-free-2

Non è però sempre stata il male, anzi. 

È il 1870, i fratelli Hyatt vogliono sostituire l’avorio, estratto dalle zanne di elefanti uscissi,  con un altro materiale.

Seguendo gli studi di Parkes avvenuti 10 anni prima quando creò la Parkesine (più nota poi come Xylonite), brevettano la celluloide.

In altre parole la plastica nasce per salvare gli elefanti, quindi la sua nascita derivava da motivi ambientalisti! 

Come sempre accade però è come noi uomini scegliamo di usare le nuove invenzioni che cambia il modo di viverle; perché niente nasce sbagliato o per provocare il male.

Barbascura X, in un suo video,  ironicamente parlando della plastica, asseriva che era logico usare un materiale incorruttibile per cannucce usa e getta, così da restare a sempiterna memoria di quella bevanda. 

Per chi ancora non lo sapesse la plastica impiega circa 1000 anni a decomporsi e questo porta a farci riflettere che tutta la plastica prodotta nella storia è ancora presente sul nostro pianeta. 

Di per sé la plastica è un materiale molto utile, che va però usato in maniera intelligente. 

Di conseguenza dovremmo arrivare ad abolirlo completamente ed immediatamente nella declinazione usa e getta, e tra queste si intende anche negli imballi di liquidi o di prodotti alimentari. 

L’esempio più comune per un utilizzo indiscriminato di prodotti plastici usa e getta sono le feste di compleanno. 

compleanno-plastic-free

Ma è possibile farne senza plastica? Un intero compleanno plastic free?

Con un po’ di impegno sì!

Grazie al D.Lgs n. 196/2021 che, in attuazione della Direttiva (UE) n. 2019/904 vieta alcuni tipi di plastica monouso: oggi piatti, bicchieri e posate sono divenuti compostabili.

Possiamo facilmente reperirne di questi tipi negli scaffali dei supermercati o dei discount, a differenza di qualche anno fa dove esistevano solo quelle in pura plastica incorruttibile.

Questi oggetti possono essere comodamente gettati nel sacchetto dei rifiuti organici assieme agli avanzi di cibo. 

Se però ciò che vogliamo è essere il più possibile “eco friendly” e “plastic free”… Ecco allora che la scelta sarà per materiali lavabili in lavastoviglie.

A casa ho ad esempio dei piattini da dolce in acciaio. Ciò non significa che li usiamo ad ogni festa che organizziamo al parco, preferendo il più delle volte la comodità, orientandoci verso la scelta delle vettovaglie compostabili. 

Una piccola attenzione: biodegradabile non significa necessariamente compostabile, quindi attenzione in linea generale a preferire questi ultimi per un compleanno plastic free!

Anche le decorazioni hanno la loro importanza.

A me piace lo stile rustico e country, motivo per cui i festoni che abbiamo sono riutilizzabili ed in juta. I palloncini ora si trovano biodegradabili: scegli questi se proprio non si può farne a meno.

[BCU]_Plastic-free

Ma una raccomandazione: evita l’elio per gonfiarli e comunque rimuovi ogni residuo qualora si rompano.

Sono infatti molto pericolosi per la fauna in quanto scambiati per cibo; possono causare occlusione intestinale e morte, anche usando quelli biodegradabili. 

La vera scelta difficile per avere un compleanno plastic free sarà sui cibi e le bevande.

Se i primi possono essere preparati in casa seguendo le dovute norme igienico-sanitarie, per le seconde si possono preferire succhi di frutta, caraffe con l’acqua e barilotti di birra da 5 litri (in genere molto apprezzati dai papà).

La coca cola in vetro ha oggettivamente un costo troppo elevato, e se proprio non vogliamo rinunciarci esistono oggi le lattine in alluminio da 0,5 litri.

L’alluminio è il materiale con il più alto tasso di riciclabilità tra tutti i materiali: di esso può essere rigenerato il 100% e all’infinito.

Ma perché consiglio il barile da 5 litri o le lattine da 0,5?

Perché l’ottica è sempre quella di produrre meno rifiuti possibile: una lattina da 0,5 ha un peso inferiore di 2 da 0,33 e comunque si impiegherà meno energia e meno acqua per la sua produzione (e smaltimento). 

Infine… Anche un compleanno plastic free non si può festeggiare senza torta, quindi: comprala!

Già, hai letto bene.

Non farla a casa, ma supporta le piccole pasticcerie se puoi.

Se proprio vuoi cimentarti con le tue mani, vai nei piccoli forni di quartiere a fatti preparare la base che poi farcirai a tuo piacimento e gusto. 

Con questi accorgimenti farai una grande figura, lascerai i tuoi ospiti a bocca aperta e festeggerai ogni evento in armonia con la nostra povera madre terra…

Anche in questo caso sarai un artigiano per l’ambiente!

Grazie per aver letto fin qui, se hai apprezzato il contenuto e vuoi rimanere informato sulle nostre iniziative ed attività: iscriviti alla newsletter!

Stay connected!

A presto.
Francesco

Condividi l’articolo:
Altro dal nostro blog:
imballi monouso
Eventi
Francesco Pianelli

Imballaggi monouso

Le impressioni del nostro presidente Francesco Pianelli, dopo aver partecipato ad un interessante convegno promosso da ATA Rifiuti, con il patrocinio della Regione Marche. 

“Imballaggi monouso: le iniziative concrete per un presente sostenibile”

Leggi Tutto »
deforestazione-urbana-copertina-2
Foreste e natura
Francesco Pianelli

Deforestazione urbana

Parlare di deforestazione urbana non è corretto, ma rende bene l’idea del processo che è in atto. 

In questo articolo ti raccontiamo la storia della famosa casa di moda Genny e del triste destino delle aree occupate dai suoi ex uffici.

Leggi Tutto »
venerdì-nero
Riflessioni
Francesco Pianelli

Venerdì nero

Il venerdì nero, o Black Friday, è l’evento più consumistico dell’anno. Quanto di più distante ci sia dalla logica ambientalista e i suoi princìpi.

Come è possibile trasformare dal nero al verde questo evento?

Leggi Tutto »
compleanno-plastic-free
Acquisti consapevoli
Francesco Pianelli

Compleanno plastic free?

Oggi la plastica viene additata come uno dei mali assoluti.

Ma più diciamo che non la vogliamo, più al supermercato gli scaffali ne sono pieni.

Non è però sempre stata il male, anzi…

Leggi Tutto »
casa-2.0
Casa e rifiuti
Francesco Pianelli

La casa 2.0

Una riflessione sulle possibilità che la tecnologia ci offre in relazione al nostro stile di vita, nelle case 2.0 del futuro, dove ogni confort è pagato a caro prezzo: per la Natura.

Leggi Tutto »
vandalismo
Riflessioni
Francesco Pianelli

Vandalismo non fa rima con ambientalismo

In 5 giorni, nel mondo, si è cercato di portare all’attenzione dei media e dei governi il tema ambientale.

Il cambiamento è nelle nostre mani; ma spesso le azioni di pochi rischiano di rovinare l’impegno di molti.

Leggi Tutto »

Non perderti i nostri eventi e le iniziative

Per restare aggiornato e non perderti nessuna novità dall’Associazione Bosco Che Ulula, iscriviti alla nostra newsletter, compila il form di contatto:

Non inviamo SPAM, solo comunicazioni essenziali!

Abbiamo a cuore la nostra Terra e
la tutela ambientale

Un aiuto per Bosco Che Ulula

Con il tuo contributo aiuterai a preservare la nostra Terra: lasceremo il mondo migliore di come lo abbiamo trovato.

BONIFICO BANCARIO:

Associazione Bosco Che Ulula ETS
Causale: Erogazione liberale
IBAN: IT49M0331713401000010108277

PAYPAL: